Arredare

Solette dei balconi: requisiti, tipi, vantaggi

Torben Schröder

Spesso, una superficie di cemento nuda sul balcone di casa non è bella né molto piacevole da calpestare – soprattutto a piedi nudi. I rivestimenti delle solette dei balconi migliorano sia l’aspetto sia la sensazione di benessere. L’offerta è molto ampia e varia, dalle semplici piastrelle in legno alle pesanti lastre di pietra naturale. In questo articolo vi forniamo consigli sugli aspetti da considerare per i singoli materiali.

Una giovane donna siede su una sedia sul balcone, accanto a lei è sdraiato un cane.
© Getty Images

In questo articolo

Verificare i requisiti statici del balcone

Le solette dei balconi delle tipiche case plurifamiliari hanno generalmente una struttura standardizzata in acciaio o in calcestruzzo, la cui statica comporta limiti e di solito non può essere migliorata. Un balcone standard ha una portata compresa tra 300 e 500 chilogrammi. Una pesante copertura supplementare del balcone avrebbe un effetto negativo sulla portata dell’intera struttura e della soletta del balcone, quindi in questo caso è fuori discussione.

Per le case unifamiliari, in particolare quando si tratta di una nuova costruzione, il costruttore può influire sulla statica e progettare una costruzione più solida in grado di consentire la posa di solette pesanti.

Di seguito vi presentiamo le possibilità per rendere il pavimento del vostro balcone esteticamente bello e piacevolmente calpestabile.

Rivestimento in legno delle solette dei balconi: accogliente e caldo

Il materiale da costruzione classico per eccellenza può essere adatto anche per il balcone. Il pavimento in legno crea un’atmosfera accogliente, è versatile e si adatta ad ogni stile della casa o della stanza adiacente.

Per la soletta di un balcone vale quanto segue: più robusto è il tipo di legno, meglio è, perché dovrebbe essere il più resistente possibile alle intemperie. Le tipologie di legno duro come la quercia o il frassino sono considerate soluzioni ottimali. Anche i legnami più morbidi come il pino e l’abete di Douglas sono indicati se sufficientemente impregnati. I legni tropicali come il mogano, il teak o il bangkirai costituiscono un’alternativa. Il vantaggio del legno: è molto resistente alle intemperie e ai funghi.

La forma più comune di pavimentazione in legno del balcone è la piastrella. Con le loro dimensioni compatte, le piastrelle di legno si adattano in linea di principio a qualsiasi superficie. Sono costituite da quadrati di legno che vengono avvitati a una sottostruttura a rete di plastica. Quest’ultima facilita il drenaggio e permette all’acqua piovana di defluire senza problemi.

Un grande vantaggio è che si possono posare le piastrelle di legno su un pavimento di cemento preesistente senza ulteriori preparativi. Se necessario, è possibile rimuoverle altrettanto rapidamente senza lasciare segni sul substrato. Ma attenzione: poiché la rete di piastrelle di legno che viene infine assemblata è piuttosto rigida, il sottofondo del balcone non deve presentare alcuna irregolarità prima della posa, in modo da non danneggiare le piastrelle. Una massa di livellamento disponibile nei negozi per il fai da costituisce un rimedio.

Un prodotto disponibile in commercio: la piastrella ad incastro My Home è estremamente pratica. Con un semplice clic, è possibile montare molto rapidamente le piastrelle da 30 x 30 centimetri di lunghezza e 2,4 centimetri di altezza in legno d’acacia. Il prezzo al metro quadrato presso Coop Edile+Hobby è di 50.45 franchi (stato: 15 dicembre 2020).

Due bambini siedono su un balcone a mangiano ravanelli.

Le piastrelle di legno – le cosiddette piastrelle a incastro – conferiscono al vostro balcone un’atmosfera accogliente.

Rivestimento delle solette dei balconi in WPC: facile da pulire e resistente

Il Wood Polymer Composite – o WPC in breve – è un materiale composito costituito per il 70-80% da legno e per il 20-30% da plastica. Per questo racchiude in sé le migliori proprietà di entrambi i materiali. Quindi, come nel caso della plastica, è resistente all’umidità, robusto, antiscivolo e privo di schegge. Inoltre, richiede poca cura. D’altro canto, la sua superficie con venature ha un aspetto molto naturale e risulta piacevole al tatto.

Il WPC viene solitamente fornito sotto forma di listoni di grandi dimensioni, da disporre come le assi di un pontile. Teli impermeabili di bitume formano il primo strato sul pavimento del balcone. Sopra viene montata una sottostruttura disposta longitudinalmente con binari in alluminio e supporti. Poi bisogna stendere i listoni in WPC in senso trasversale e fissarli.

Un prodotto disponibile in commercio: una variante di WPC un po’ più compatta per il balcone è la piastrella a incastro di Gfellex, che viene posata direttamente sul sottofondo con un sistema a innesto. Ogni piastrella da 30 x 60 centimetri è costituita da quattro listelli collegati a vista. Il costo è di 9.70 franchi al pezzo (stato: 15 dicembre 2020).

Vista di un balcone con piastrelle scure adornato da molte piante e una vasca.

Aspetto simile al legno, sensazione al tatto come la plastica: un pavimento in WPC racchiude i vantaggi di entrambi i materiali.

Rivestimento delle solette dei balconi in ceramica: robusto e versatile

Una domanda che viene spesso posta: «Cos’è esattamente la ceramica? L’ho vista solo nel mio bagno». Risposta: si tratta di un materiale che consiste principalmente di argilla, terriccio e acqua. Questa miscela viene lavata, macinata, asciugata per diverse ore e poi plasmata nella forma desiderata. L’ultimo passo è la cottura ad alte temperature, superiori a 1000 °C. Questo processo rende il prodotto finito estremamente robusto e ideale per la pavimentazione dei balconi.

Grazie alla produzione industriale, le piastrelle di ceramica possono assumere qualsiasi colorazione e imitare molte strutture, come ad esempio la pietra naturale e il legno. Ulteriori vantaggi: sono antiscivolo e facili da pulire, poiché assorbono solo piccole quantità di acqua.

La sottostruttura svolge un ruolo importante durante la posa. Per evitare successivi danni dovuti al gelo, è necessario predisporre uno strato antiumidità, ad esempio sotto forma di un rivestimento sigillante. Se il vostro balcone è aperto ai lati, vi consigliamo una protezione antipioggia in pellicola o in legno. Utilizzate un adesivo speciale per fissare le piastrelle al substrato. Pianificate le distanze che poi stuccherete.

Un prodotto disponibile in commercio: la piastrella per terrazze Payitaht, presso Mosafil; nonostante il nome, non è adatta esclusivamente per la posa su una terrazza. Corrisponde alla cosiddetta categoria del gres porcellanato, una tipologia di ceramica estremamente dura e quindi ancora più robusta. La superficie grigia e liscia dona al vostro balcone un aspetto semplice ma di grande effetto. I costi ammontano a 54.06 franchi al metro quadrato (stato: 15 dicembre 2020).

Vista su un balcone. In primo piano vi sono un tavolo e due sedie.

Con il loro aspetto pulito e la grande robustezza, le piastrelle di ceramica rappresentano il classico rivestimento dei balconi.

Rivestimento delle solette dei balconi in pietra naturale: pesante, ma stupendo

Prima di scegliere le lastre di pietra naturale, è necessario rispondere a una domanda fondamentale: il vostro balcone è in grado di sopportare il carico? Le lastre di pietra pesano 80 chilogrammi o più a metro quadro. Con una portata compresa tra 300 e 500 chilogrammi per un balcone standard, questo carico potrebbe essere difficile da sostenere. Pertanto, si consiglia sempre di consultare un ingegnere edile.

Se il vostro balcone è adatto, potrete godere appieno della pietra naturale. È un materiale estremamente elegante, resistente e durevole. Con il passare del tempo, quando si forma una leggera patina, può diventare ancora più attraente.

La scelta di pietre naturali è molto varia. L’ardesia scura crea un ambiente molto raffinato, mentre il travertino calcareo dona al balcone un’atmosfera mediterranea. Il granito appare quasi mistico, grazie all’inclusione di minerali e quarzo.

La posa di piastrelle in pietra naturale è piuttosto laboriosa e costosa – per quest’operazione si consiglia pertanto di incaricare un’azienda specializzata.

Un prodotto disponibile in commercio: che si tratti di arenaria di Rooterberg, granito della Valle Onsernone o granito di Andeer dalla Val Schons – l’azienda svizzera Emilio Stecher del Comune di Root è specializzata nella lavorazione della pietra naturale locale. Basta consultare il suo sito web per vedere se sono disponibili piastrelle adatte al vostro balcone.

Vista su un balcone con un tavolo e tre sedie. Un gatto siede sul davanzale di una finestra.

Per posare lastre di pietra naturale sul balcone, è necessario far eseguire in precedenza una stima della portata massima.

Conclusione: i rivestimenti delle solette dei balconi sono belli e pratici

A nessuno piace camminare scalzi sul cemento nudo. Per questo motivo è necessario acquistare un rivestimento supplementare per il pavimento del balcone. L’offerta di piastrelle è molto ampia e i vari materiali comportano diversi vantaggi. Sia con un accogliente rivestimento in legno sia con una raffinata pavimentazione in pietra naturale, il vostro balcone risulterà comunque valorizzato a livello estetico – e avrete una sensazione di comfort migliore.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.