Costruire e acquistare

Sogno abitativo realizzato: vivere in un cinema

Sira Huwiler-Flamm

In Burgfelderplatz a Basilea, l'appassionato di antiquariato Andreas ha realizzato il sogno di vivere in un cityloft di 600 metri quadrati. La più antica sala cinematografica della Svizzera, costruita nel 1929, offre tesori da collezione e una nuova casa - con un carattere museale.

Andreas Häner è seduto sulla sua scala degli anni '50 - sullo sfondo si vedono due porte a battenti.
© Natascha Vavrina

In questo articolo

All'inizio è l'immaginazione

Vivere in un ex cinema erotico? Quello che suona scabroso quest'anno è diventato realtà per il 54enne Andreas Häner. E il passato dell'edificio in stile Art Déco in Burgfelderplatz non è poi così "malfamato": il "Corso" fu costruito nel 1929 in qualità di primo cinema attrezzato per il film sonoro e inaugurato nel 1931, diventando così la più antica sala cinematografica della Svizzera. Solo a metà degli anni '70, con la legalizzazione della pornografia in Svizzera, si è passati a film con scene di nudo. Il cinema è rimasto vuoto dalla sua chiusura nel 2011.

«Quando ho visitato per la prima volta questa enorme sala nel gennaio 2016, ho pensato: questo è un incubo di 375 metri quadrati», ricorda Häner. «Buio completo, non una sola finestra, un'unica enorme, inutilizzabile sala buia.» Tuttavia, nonostante il primo momento di shock prova subito anche un'altra sensazione: «Questa è la mia nuova casa.» Centinaia di interessati avevano visto l'immobile durante i cinque anni di sfitto, ma nessuno lo voleva. «Lo sforzo richiesto per portare la luce nel buio li ha scoraggiati», ride Häner, «e probabilmente mancava loro l'immaginazione di ciò che si può ricavare dal buco nero.»

La sua grande fortuna, perché: «Il lungo sfitto ha fatto in modo che il prezzo scendesse tantissimo.» L'artista bernese, che da decenni colleziona oggetti d'antiquariato e opere d'arte e ha studiato storia dell'arte e dell'architettura, lo riconosce subito: «I soffitti alti quasi sette metri rendono possibile la costruzione di un secondo piano - e quindi circa 600 metri quadrati di superficie abitabile, che offre ampio spazio per i miei numerosi tesori da collezione.»

Nell'ampio vano centrale dell'appartamento, un enorme lampadario a corona è appeso al soffitto. La grande sala è colma di oggetti da collezione, ospita una biblioteca e un'accogliente area salotto.

Il cuore dell'appartamento: dalla vecchia sala di proiezione del cinema è stato ricavato un ampio vano centrale con biblioteca, lampadario a corona e accogliente area salotto.

La ristrutturazione: dalla sala cinematografica al duplex

Insieme a un architetto, inizia a lavorare alla progettazione: «Ho trovato affascinante la possibilità di costruire un’abitazione completamente nuova in una casa esistente in mezzo alla città.» Anche per motivi legati alla tutela dei monumenti, l'involucro dell'edificio resta nelle sue condizioni originali. Tuttavia, la gigantesca sala cinematografica si trasforma in duplex con un ampio vano centrale e una galleria che gli gira intorno. Un enorme lucernario trasforma la sala, un tempo cupa, nel cuore ricco di luce dell'appartamento.

Andreas Häner è in piedi al centro della grande sala ancora vuota durante i lavori di costruzione. Sullo sfondo, gli artigiani stanno montando gli scaffali. Osserva fiero l'enorme lampadario a corona sopra di lui.

Durante i lavori di costruzione, la grande sala è ancora vuota - ma Andreas Häner immagina già come riempirà lo spazio con oggetti da collezione e storia.

Nella grande sala si trovano numerosi oggetti d'antiquariato: due colonne in pietra arenaria rossa di una biblioteca barocca di Colmar demolita, una scala degli anni '50, porte a battenti del 1900 circa, una ringhiera del balcone in legno proveniente da un negozio di antiquariato a Berna.

Oggetti d'antiquariato recuperati: le colonne di arenaria rossa provengono da una biblioteca barocca di Colmar demolita, la scala risale agli anni '50, le porte a battenti al 1900 circa e Andreas Häner ha trovato la ringhiera del balcone in un negozio di antiquariato a Berna.

Grandi scaffali in metallo dal look industriale nel salone centrale arrivano fino al soffitto, la scala sospesa collega i due livelli.

Grandi scaffali dal look industriale sono pronti per i tanti tesori d'arte collezionati.

Al secondo piano una camera da letto, due camere per gli ospiti, una cucina moderna, un bagno e un salone completano il suo sogno abitativo. Per l'arredamento, Häner presta particolare attenzione al riciclaggio sostenibile di materiali ed elementi provenienti da case demolite o ristrutturate - e quindi al valore di materiali da costruzione antichi: una scala degli anni '50 è il pezzo forte della grande sala. Per la statica vengono utilizzate quattro colonne di arenaria rossa, provenienti da una biblioteca barocca di Colmar demolita. Nel loft sono stati recuperati anche una ringhiera del balcone in legno riccamente decorata e una finestra in ferro battuto in stile Art Nouveau (entrambe del 1900 circa), insieme a molte altre finestre, porte e colonne di edifici storici. «Sto regalando a queste bellezze una seconda vita e ne traggo una gioia immensa», esclama con fierezza.

A caratterizzare il bagno: una vasca bianca e specchi, che si estendono dal pavimento al soffitto.

Il bagno è il locale preferito di Andreas Häner: durante i lavori di costruzione manca ancora il lampadario a corona, che fa della stanza la sua piccola sala degli specchi di Versailles.

La cucina con superfici lisce grigie e bianche e forme semplici, con ante in vetro sullo sfondo.

Una deliberata discontinuità di stile: la cucina è ultramoderna, con superfici lisce e forme e colori semplici.

I lavori di ristrutturazione hanno richiesto tre anni e un costo di circa 2,2 milioni di franchi, compreso l'acquisto dell'immobile. «Grazie a un'ipoteca conveniente e a un rapporto di fiducia con la mia banca, sono riuscito a realizzare e riempire opulentemente il mio cityloft proprio come volevo, senza scendere a compromessi», afferma soddisfatto Andreas Häner, «anche se la ristrutturazione è costata una grande quantità di energia, tempo e denaro e alcune norme antincendio ed edilizie mi hanno spinto alla disperazione: sto vivendo il mio sogno, la battaglia ne è valsa la pena - cosa c'è di più bello?»

Il design: realizzare i sogni da museo

Dall'agosto 2020, i lavori di costruzione sono finalmente terminati. E da allora Häner è riuscito a sfogarsi in modo creativo, dando alla sua raccolta di tesori d'arte e d'antiquariato una nuova casa permanente: «Amo creare spazi carichi di storia - luoghi di fantasia traboccanti di passato.» Mobili antichi ed elementi di design, sostiene, sono per lui come capsule del tempo: «Che si tratti di un tappeto ben annodato, di un'opera d'arte dettagliata o di un mobile imbottito di alta qualità di tempi passati - tutto questo mi tocca e ha il potere di catapultarmi da un momento all'altro in un tempo differente.»

Uno scrittoio in legno, alcune sedie e una chaise longue con rivestimento in velluto blu si trovano su un tappeto annodato in modo elaborato; dei quadri sono appesi alla parete.

Un tappeto annodato in modo elaborato, uno scrittoio in legno nonché sedie e una chaise longue con rivestimento in velluto blu conferiscono al loft un carattere da museo.

Una finestra in stile Art Nouveau è l'elemento d’impatto nella grande sala. Andreas Häner ha disposto a cerchio un'area salotto in tonalità di blu. Ovunque si guardi, si trovano tesori del passato come vasi, quadri e lampade.

La finestra in stile Art Nouveau della grande sala è una vera e propria attrazione. Ovunque si guardi, si trovano tesori del passato.

Per lui non vale la regola «Meno è più», ma «Troppo è ancora troppo poco». La sua passione per il collezionismo non ha nulla a che fare con le cianfrusaglie o i pezzi da mercato delle pulci: «Compro solo ciò che ha la qualità e il potenziale per potersi trovare anche in un museo internazionale.» Il duplex completamente arredato ha un carattere da museo: ovunque si guardi, le applicazioni in foglia d'oro scintillano, le antiche cassettiere in vero legno e le chaise longue rivestite in broccato e velluto stupiscono il visitatore. Tappezzeria in oro scintillante o verde menta che risalta nonché scaffali alti fino al soffitto e generosamente riempiti rendono perfetto lo stile massimalista.

«Amo la mia nuova casa - ma il bagno è la mia stanza preferita», dice Häner. Al centro è appeso un magnifico lampadario a corona di Venezia, due specchi a parete fino al pavimento, uno di fronte all'altro, permettono di rifletterlo all'infinito. «Questa è la mia piccola sala degli specchi di Versailles», ride.

Consentire i contrasti e avere successo

Affinché lo sfarzo e il kitsch in stile Versailles siano combinati con armonia, ha fatto venire un arredatore d'interni dall'Italia: «Ho scelto deliberatamente una persona che pensa in modo radicalmente moderno e quindi è l'esatto opposto di me», sottolinea Häner. Le lotte sono state dure, lunghe e a volte anche rumorose. «Ma gli sono molto grato e sono felice», sorride.

Semplici librerie e ringhiere in metallo conferiscono agli spazi abitativi un tocco dal look industriale. E alcune stanze, come la cucina, sono ultramoderne, con superfici lisce e spigolose nonché forme e colori chiari. «Penso che queste discontinuità di stile rendano la mia casa più dinamica ed emozionante», dice.

Naturalmente, però, si conferma un amante dello storico e del particolare. Da lui, anche la subaffittuaria ha una caratteristica speciale: una “cara amica”, come dice lui, dell'aristocrazia prussiana orientale trascorre la notte nella suite secondaria di 90 metri quadrati che è stata creata durante i lavori di conversione.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.