Arredare

Riscaldare la taverna: come farlo correttamente

Arne Schätzle

È utile riscaldare la taverna? Sì, perché sia che la usiate solo come deposito sia come spazio abitativo, dovreste riscaldarla un po’ per contrastare l’umidità e la muffa. Scoprite qui il tipo di riscaldamento più adatto e le opzioni possibili.

Al centro di una taverna allestita come soggiorno spicca un grande divano nero.
© Getty Images/iStockphoto

In questo articolo

Clima ottimale in taverna

L’aria fredda scende verso il basso, l’aria calda sale verso l’alto. Soltanto per questo motivo, la temperatura in taverna è solitamente inferiore di diversi gradi a quella degli spazi abitativi soprastanti. In più, se il soffitto della taverna non è isolato, i locali e pavimenti saranno freddi. Il freddo penetra attraverso le crepe nello spazio abitativo soprastante e il calore si disperde.

Per compensare questo effetto, nello spazio abitativo è necessaria un’energia termica superiore alla media. Di conseguenza, è meglio che la temperatura della taverna non sia più bassa di tre gradi centigradi rispetto a quella dell’edificio.

Riscaldare la taverna è sempre utile

Indipendentemente dallo scopo di utilizzo della taverna, sia che si tratti di un deposito sia di uno spazio abitativo, conviene sempre riscaldarla, soprattutto in inverno. Non solo si evita il congelamento dell’acqua e dei tubi del riscaldamento, ma si prevengono anche possibili danni alla struttura dell’edificio. Inoltre, il riscaldamento impedisce la diffusione del freddo alle pareti e ai soffitti.

Tra l’altro, la presenza di aree permanentemente umide sulla muratura crea le condizioni ottimali per la formazione di muffa. Spesso, si sviluppa contemporaneamente uno sgradevole odore di stantio. Il riscaldamento costante mantiene le pareti asciutte e riduce l’umidità. Garantendo una temperatura di almeno 15-16 gradi Celsius si prevengono tutti questi inconvenienti.

In particolare se si utilizza la taverna come spazio abitativo, sia come sala hobby sia come sala prove per strumenti musicali o spazio per le feste – senza riscaldamento il locale risulterà poco accogliente. Per riscaldare la vostra taverna si possono utilizzare diversi tipi di impianti. Qui di seguito vi illustriamo le opzioni possibili.

L’isolamento è fondamentale per una taverna riscaldata

Tuttavia, il riscaldamento senza adeguate precauzioni strutturali non è efficace. L’isolamento dei pavimenti e delle pareti assicura una minore dispersione di energia attraverso l’involucro dell’edificio quando si riscalda la taverna. Ciò riduce i costi di riscaldamento, attenua l’umidità e quindi aumenta il comfort abitativo.

L’isolamento interno dovrebbe essere sempre installato da una impresa specializzata, poiché si tratta di un lavoro impegnativo in termini di fisica edile e in caso di errori può causare danni dovuti all’umidità e alla muffa. A seconda del tipo di isolamento, i prezzi variano solitamente da 50 a 90 franchi al metro quadro.

Alle pareti della taverna è fissato un materiale isolante.

Una taverna isolata consente di trattenere meglio il calore in casa e di disperdere meno energia attraverso l’involucro dell’edificio.

Qual è il tipo di riscaldamento giusto per la taverna?

Esistono tecnicamente diverse possibilità per riscaldare una taverna. Oltre al collegamento all’impianto centralizzato si può ricorrere anche a vari sistemi di riscaldamento elettrici.

Ampliare il riscaldamento centralizzato: lavoro oneroso e costi di riscaldamento elevati

Spesso il riscaldamento centralizzato si trova in cantina, quindi collegare la taverna all’impianto è la soluzione più ovvia. Tuttavia, questo intervento di ampliamento richiede nuove tubazioni di riscaldamento da installare a posteriori. Si tratta solitamente di un lavoro complesso e costoso, pur essendo una soluzione valida. Anche se il riscaldamento centralizzato si trova nel massetto, in genere è possibile trovare un posto nel circuito di riscaldamento da cui far diramare i tubi diretti al nuovo radiatore.

Come nello spazio abitativo, anche in taverna è possibile utilizzare i radiatori a piastra. Questi elementi non solo hanno un look moderno ed elegante, ma sono anche molto facili da pulire – a differenza dei comuni radiatori a colonna. Inoltre, emettono gran parte del tepore sotto forma di calore radiante, spostando meno aria nella stanza – e quindi nei locali cantina un po’ polverosi non smuovono continuamente la polvere.

Riscaldamento a pavimento: utile solo per uno spazio abitativo

Il riscaldamento a pavimento diffonde un piacevole calore, rende meno secca l’aria e consente di camminare molto piacevolmente senza scarpe. Tuttavia, se deve essere installato a posteriori, diventa costoso. Questo perché non bisogna preventivare solo i costi per l’installazione del riscaldamento. Infatti, serve un’apposita preparazione del pavimento e dopo l’installazione si deve posare un pavimento nuovo sull’impianto di riscaldamento. Inoltre, resta da considerare se il sistema di riscaldamento debba avere un collegamento elettrico oppure – e questa è l’opzione più conveniente a lungo termine – vada collegato al riscaldamento centralizzato. Per chiarire a quanto possono ammontare i costi finali per riscaldare la taverna, è necessario consultare direttamente un’impresa specializzata.

Inoltre, è importante ricordare che il riscaldamento a pavimento non produce calore con la semplice pressione di un pulsante. Il sistema necessita di un certo tempo per riscaldare una stanza – o per riportare l’ambiente a temperature più basse. Pertanto, questa tipologia di riscaldamento è consigliabile solo se si desidera utilizzare la taverna come spazio abitativo e soggiornarci regolarmente, per un periodo di tempo prolungato. Perché altrimenti, anche i bassi costi di riscaldamento risulteranno uno spreco di energia e di denaro.

Stufa da officina: l’alternativa alla stufa a legna

In generale, si dovrebbe fare molta attenzione alle stufe collocate nell’ambiente della taverna, perché necessitano di un continuo ricambio di aria fresca, che generalmente scarseggia nei seminterrati. Questi apparecchi possono rivelarsi presto pericolosi, perché il monossido di carbonio tossico si forma in assenza d’aria.

Se si vuole proprio utilizzare una stufa, è meglio installarne una da officina. Può sembrare un po’ più rustica di una stufa di lusso, ma riscalda anche la stanza molto più velocemente. La stufa da officina funziona secondo il principio della convezione: essa aspira e riscalda l’aria attraverso diversi tubi sul corpo. Secondo questo principio, l’aria si riscalda in modo relativamente rapido, anche in grandi ambienti. La sua alimentazione avviene con pezzi di legno o bricchetti di legno o lignite.

Nel negozio del fai da te è possibile acquistare una semplice stufa da officina a un prezzo compreso tra i 100 e i 250 franchi. I modelli di qualità superiore costano tra i 400 e i 600 franchi, a seconda delle dotazioni, e non esiste praticamente un limite massimo di prezzo. In generale: come ogni stufa a legna, anche quella da officina deve essere collegata a una canna fumaria. In Svizzera, la costruzione, l’installazione e la modifica degli impianti di combustione sono soggette all’obbligo di autorizzazione e di notifica.

Riscaldamento a infrarossi: pratico ed elegante

I riscaldamenti a infrarossi hanno una caratteristica significativa: non riscaldano l’aria, ma le superfici e le persone. I riscaldamenti a infrarossi si presentano come pannelli radianti piatti per il montaggio a soffitto o a parete. I radiatori salvaspazio sono disponibili in vari design decorativi, ad esempio come riscaldamento a specchio, ma anche come semplice piastra riscaldante bianca in metallo o vetro. Per riscaldare una stanza di circa 14 metri quadri serve un modello con una potenza di 600 Watt. Il costo di un tale riscaldamento a infrarossi è di circa 600 franchi.

I vantaggi di questo riscaldamento: poiché basta collegarlo a una presa a muro, è di facile installazione. E le sue radiazioni a onde lunghe riscaldano solo l’area o l’oggetto che colpiscono. Pertanto, necessita anche meno corrente rispetto ad altri riscaldamenti elettrici ausiliari.

Tuttavia, il riscaldamento a infrarossi è più conveniente solo rispetto ad altri riscaldamenti elettrici. Riscaldare con l’elettricità è sempre più costoso a livello pratico rispetto all’utilizzo di un impianto di riscaldamento. Inoltre l’elettricità, generata in gran parte da combustibili fossili, inquina l’ambiente. Per questo motivo i riscaldamenti elettrici in Svizzera sono soggetti a severe leggi e consentiti solo come riscaldamento aggiuntivo o in ampliamenti.

Fondamentalmente, per i riscaldamenti a infrarossi – come per tutti i riscaldamenti elettrici – vale la seguente regola: più piccola è la stanza e meno riscaldamento è necessario, più ne vale la pena. Rispetto al riscaldamento centralizzato, richiedono molto più tempo per riscaldare un intero ambiente – e quindi consumano molta più energia. Per questo motivo, spesso i radiatori moderni dispongono già di programmi di riscaldamento a tempo preinstallati, in grado di regolare autonomamente la temperatura in modo indipendente in determinati orari.

Convettori e radiatori elettrici: convenienti divoratori di energia

Mentre il riscaldamento a infrarossi riscalda gli oggetti per irraggiamento termico, i radiatori e i convettori elettrici lo fanno riscaldando l’aria. Inoltre, sono convenienti: è possibile acquistare modelli economici già a un prezzo di circa 50 franchi.

Ma come tutti i riscaldamenti elettrici, sono costosi nella manutenzione. Tuttavia, per una bassa richiesta di calore, i riscaldamenti elettrici possono essere abbastanza redditizi e utili. Se si vuole utilizzare e riscaldare un solo locale in taverna per un breve periodo di tempo, questi apparecchi mobili sono l’ideale – anche come soluzione temporanea. E più grande è la stanza, più vale la pena utilizzare un radiatore a convezione anziché un riscaldamento a infrarossi.

Sul pavimento di uno spazio abitativo è poggiato un termoventilatore.

I termoventilatori aumentano rapidamente la temperatura, ma consumano molta energia. Pertanto, sono adatti al massimo come soluzione provvisoria.

Termoventilatori: poco indicati in taverna

Nei termoventilatori, i fili riscaldanti all’interno dell’apparecchio scaldano l’aria che la ventola diffonde nell’ambiente. Questo metodo solleva molta polvere e rende l’aria particolarmente secca. Spesso sono anche molto rumorosi a causa della ventola. Anche a causa degli elevati costi di riscaldamento che comportano, i termoventilatori si utilizzano solitamente solo per un periodo di tempo limitato – ad esempio, se il riscaldamento centralizzato in taverna non è ancora stato installato.

Vantaggi e svantaggi: i tipi di riscaldamento in breve

  • Tipo di riscaldamento
  • Vantaggi
  • Svantaggi
  • Riscaldamento centralizzato
  • Bassi costi di riscaldamento, impianto domestico unificato, il calore radiante solleva meno polvere
  • Complesso allacciamento, installazione costosa, nessuna fonte di calore immediata in taverna
  • Riscaldamento a pavimento
  • Bassi costi di riscaldamento, calore piacevole, impianto domestico unificato
  • Complesso allacciamento, installazione costosa, nessuna fonte di calore immediata in taverna
  • Stufa da officina
  • Diffusione veloce del calore, conveniente da mantenere, aspetto rustico elegante
  • Costosa all’acquisto, obbligo di autorizzazione, necessario il collegamento alla canna fumaria
  • Riscaldamento a infrarossi
  • Estetica elegante, il calore radiante consente un riscaldamento mirato, più economico rispetto ad altri riscaldamenti elettrici
  • Superficie rovente, costi di acquisto elevati, impiega molto tempo a riscaldarsi
  • Convettori/radiatori
  • Convenienti all’acquisto, uso mobile, ideale per brevi periodi e piccoli ambienti (soluzione temporanea)
  • Elevati costi di riscaldamento, consentiti solo a determinate condizioni (vale per tutti i riscaldamenti elettrici), richiedono una fonte di energia elettrica
  • Termoventilatore
  • Buona soluzione temporanea, conveniente all’acquisto, fonte di calore veloce
  • Costi di esercizio elevati, solleva molta polvere, rende l’aria particolarmente secca

Ventilare per prevenire la muffa

Il riscaldamento da solo non può impedire l’eccessiva formazione di umidità dell’aria e la di muffa in taverna. Per evitare la muffa, l’ambiente non solo deve essere riscaldato moderatamente in inverno, ma anche ventilato a sufficienza. In questo modo si prevengono altresì i cattivi odori. Se la taverna è ben isolata, è meglio aerare il seminterrato più volte al giorno.

Per evitare l’umidità in taverna, si dovrebbe anche arieggiare correttamente in estate: infatti è proprio l’aria calda che porta ulteriore umidità nella taverna. Andrebbe quindi evitato di lasciare le finestre sempre aperte e limitare la ventilazione d’impatto alle prime ore del mattino e alla sera tardi.

Se la vostra taverna non possiede finestre né porte verso l’esterno, considerate l’ipotesi di un impianto di ventilazione. Tali impianti aspirano l’aria dai locali interni e immettono aria esterna. Ciò perché una ventilazione efficace si può ottenere solo convogliando all’esterno la quantità di aria viziata corrispondente all’aria fresca che può fluire all’interno. Questi impianti di ventilazione sono tanto più convenienti quanto più grande è l’impianto progettato. I costi di riscaldamento si aggirano intorno ai 2500 franchi per locale. Se tutte le stanze della casa vengono dotate di un impianto di ventilazione, bisogna calcolare una spesa media dai 12.000 ai 14.000 franchi.

Le principali domande e risposte in breve

È opportuno riscaldare la taverna, anche se viene utilizzata come deposito?

Anche se essa viene principalmente utilizzata come deposito, è necessario fornire un minimo di calore ai locali per contrastare l’umidità e la muffa.

Quale temperatura è consigliabile in taverna?

Una temperatura di almeno 15-16 gradi Celsius contrasta la formazione di umidità e muffa.

È necessario isolare la taverna se la si vuole riscaldare?

In assenza di isolamento, il riscaldamento in taverna è inefficace. L’isolamento dei pavimenti e delle pareti garantisce una minore perdita di energia attraverso l’involucro dell’edificio.

Quali sono le possibilità per riscaldare la taverna?

Oltre al collegamento al riscaldamento centralizzato, è possibile utilizzare anche sistemi di riscaldamento elettrici, come termoventilatori, radiatori e riscaldamenti a infrarossi.

Quale sistema di riscaldamento è quello giusto?

I termoventilatori e i radiatori sono noti per consumare molta corrente e non sono adatti come soluzione permanente. Anche il riscaldamento a infrarossi è più economico solo rispetto ad altri riscaldamenti elettrici. L’opzione migliore è il collegamento al sistema di riscaldamento centralizzato – pur essendo abbastanza costoso.

Posso installare un camino in taverna?

A seconda dei Cantoni, gli impianti di combustione in Svizzera sono soggetti all’obbligo di autorizzazione o di notifica. Se decidete di installare un camino in taverna, una stufa da officina è una soluzione pratica ed efficiente.

Conclusione: riscaldare la taverna è sempre una buona decisione

Non importa se si desidera aumentare il clima di benessere degli ambienti soprastanti riscaldando la taverna, o se si intende trasformare i locali freddi e ammuffiti della taverna in nuovi spazi abitativi: se si desidera riscaldare, va affrontata la questione del metodo di riscaldamento.

Fondamentalmente si può scegliere tra il collegamento al riscaldamento centralizzato o l’installazione di un riscaldamento elettrico decentrato. La prima soluzione comporta costi iniziali d’acquisto più elevati, ma nel tempo, in caso di uso continuo, i costi di riscaldamento risultano molto più elevati per i riscaldamenti elettrici decentrati. Tuttavia, i riscaldamenti di questo tipo possono essere utili in singoli ambienti o come soluzione aggiuntiva o temporanea. In ogni caso, la potenza degli apparecchi di riscaldamento deve essere adeguata al fabbisogno termico dei locali in taverna.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.