Vivere

Preparare casa e giardino: diamo il benvenuto all’inverno

Susanne Loacker

Prima che le temperature si abbassino drasticamente, dovreste far controllare alcune cose all’interno e all’esterno della vostra abitazione e far eseguire alcuni lavori per affrontare la stagione fredda al caldo e in sicurezza.

L'immagine mostra un prato innevato circondato da una siepe di bosso.
© Getty Images / EyeEm

In questo articolo

Se volete preparare voi stessi il vostro immobile per l'inverno, dovreste prima di tutto controllare l’isolamento e preparare adeguatamente il giardino. Vi è anche una serie di ulteriori dettagli a cui dovreste pensare. Qui trovate sette consigli.

1. Controllare il tetto

Sembra ovvio: quando inizia a nevicare, la parte superiore della casa dovrebbe essere ben isolata. Le aree non a tenuta stagna devono essere sigillate, le tegole mancanti sostituite dal conciatetti. Chiedete ai vicini se vi permettono di controllare il vostro tetto dalle loro case. Con il binocolo, è possibile farlo rapidamente, senza dover affidare l’incarico a un'azienda specializzata. Se il conciatetti è comunque in zona o se non soffrite di vertigini, vale la pena fare un controllo direttamente sul tetto: l'antenna è priva di danni, in quali condizioni sono i pannelli solari, le grondaie sono libere? È possibile che queste ultime si siano intasate con le foglie cadute in autunno, ciò risulta particolarmente problematico se la stagione è stata piovosa.

2. Controllare il riscaldamento

Il riscaldamento deve essere controllato al più tardi in autunno e, se necessario, va eseguita la relativa manutenzione. Il serbatoio del combustibile viene riempito, i radiatori vengono sfiatati. In inverno è opportuno, ed è anche più conveniente dal punto di vista del risparmio energetico, mantenere tutte le stanze a una temperatura più o meno costante; infatti per riscaldare singole stanze solitamente tenute al freddo, il consumo di risorse è maggiore.

L'immagine mostra una camera da letto con un radiatore sotto un davanzale.

I radiatori dovrebbero essere sfiatati in autunno affinché in inverno l’impianto di riscaldamento funzioni senza problemi.

3. Ridurre al minimo gli spifferi

Utilizzate una candela o un bastoncino d'incenso in una giornata ventosa per individuare gli spifferi all’interno dell’abitazione. Anche un semplice paraspifferi, come quello di Wenko, per esempio, disponibile al prezzo di 44.90 franchi presso Ackermann (stato al 5 novembre 2020), è un grande aiuto contro le correnti d'aria sotto le porte. Se c’è un problema ai cardini della porta è sufficiente regolare le cerniere con un cacciavite. Le guarnizioni in silicone o gomma delle finestre non dovrebbero rompersi completamente, ma con il tempo diventano fragili. Per questo motivo è necessario trattarle con olio regolarmente e se necessario, sostituirle. Non dimenticate le finestre della soffitta e della cantina: anche qui gli spifferi causano un abbassamento della temperatura che si può evitare.

4. Controllare l'illuminazione

In estate, la luce artificiale non è certo un problema, ma non appena le giornate si accorciano l’illuminazione diventa fondamentale. Ciò non significa solo che la lampadina difettosa sopra il tavolo da pranzo debba essere sostituita, bensì anche che vale la pena controllare l'illuminazione esterna della casa. Chiunque abbia mai cercato disperatamente di infilare la chiave nel buco della serratura di sera sotto un nevischio, con una borsa della spesa inzuppata appesa al braccio, conosce i vantaggi dell'illuminazione esterna attivata dal movimento.

Le versioni solari di queste lampade con sensore di movimento sono pratiche in quanto non richiedono alcun collegamento, ma sono molto meno luminose. Installate le lampade necessarie e allineate quelle esistenti in modo che i movimenti vengano rilevati nel punto giusto. È opportuno non puntare le lampade troppo in basso, altrimenti di notte tutti i gatti del vicinato faranno scattare il rilevatore di movimento. Non dimenticate di illuminare anche le scale esterne e l'ingresso del garage.

5. Eliminare i pericoli derivanti dall’acqua

Se disponete di allacciamenti esterni, chiudete il relativo rubinetto in cantina e lasciate scorrere l'acqua all'esterno fino allo svuotamento del tubo. Andrebbero coperti anche i recipienti che si trovano all'esterno e rischiano di riempirsi di acqua piovana, che se dovesse ghiacciarsi potrebbe farli scoppiare. Controllate anche i punti di scarico e le griglie. Se sono ostruiti da sporcizia e foglie, l'acqua ristagna e, se congela, anche in questo caso potrebbe causare danni.

L'immagine mostra una fontana in pietra davanti a un muro di mattoni rossi.

Se possibile, le tubature dell'acqua devono essere svuotate per l'inverno, altrimenti vi è il rischio di danni. Basta chiudere l'acqua in cantina, lasciare il rubinetto aperto per un po', ed ecco fatto.

6. Contrastare la formazione di lastre di ghiaccio

Pulite i marciapiedi intorno alla casa: anche se non ha ancora nevicato, le foglie bagnate e marce possono essere estremamente scivolose. È meglio prepararsi in anticipo all’arrivo della neve, procurandosi per tempo sabbia da spargere sul terreno e pale per non rischiare di restare a mani vuote, dato che quando inizia a nevicare questi articoli vanno subito a ruba.

Ovviamente il sale è pratico e anche se non avete animali domestici, quelli dei vicini vi ringrazieranno se userete ghiaia, graniglia o sabbia al suo posto. Tuttavia, sgomberare regolarmente il terreno dalla neve è il modo più sicuro per scongiurare in maniera abbastanza efficace il pericolo di scivolare durante l’inverno. Questo aiuta in caso di superfici gelate non uniformi, anche se non previene la formazione di lastroni di ghiaccio in seguito a nevischio.

7. Creare un ambiente interno accogliente

Anche se un interno accogliente non ha alcun influsso sulla temperatura oggettivamente misurabile, il comfort fornisce calore da un punto di vista soggettivo. A questo contribuisce un'illuminazione discreta, calda e preferibilmente indiretta. Morbide coperte e grandi cuscini su divani e soffici tappeti sul pavimento rendono l'ambiente più caldo. Anche i profumi possono contribuire a una sensazione di benessere quando si torna a casa. Tuttavia, se avete animali domestici, non dovreste esagerare con le fragranze.

Conclusione: se tutto è pronto, possiamo dare il benvenuto all'inverno. La stagione fredda non deve per forza piacere, ma se l’interno e l’esterno della casa sono in ordine, ci si sente decisamente meglio.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.