Un cagnolino è in piedi all'ombra di un piccolo albero su un prato ben curato di fronte a una casa residenziale, con il cielo blu sullo sfondo.
© Getty Images/ iStockphoto

Giardino

Non tutti i prati sono uguali: qual è il prato adatto a me?

Susanne Loacker

L'erba del vicino è sempre più verde? Il terreno è meno visibile, vi sono meno erbacce? Cresce più regolarmente? Se è proprio così, il vicino ha semplicemente trovato il prato più adatto a lui. E soprattutto che si addice maggiormente al tempo che può dedicargli.

Piccola storia del prato

Naturalmente, il prato, come lo conosciamo oggi, non è un'invenzione. È il tosaerba che lo rende possibile: nel 1830 l'inglese Edwin Budding brevettò il primo.

Ma il termine «prato» compare per la prima volta in letteratura alla fine del XIII secolo nell'opera «De vegetabilibus» di Albertus Magnus, naturalista e vescovo di Ratisbona. Egli diede istruzioni dettagliate su come creare un prato: «Poi, tutto lo spazio deve essere coperto con pezzi di erba sottile, ...»

In primo piano si vede un prato fiorito, a destra due sedie, a sinistra un'ortensia in fiore. Sullo sfondo si trova un moderno bungalow.

Prato tagliato o naturale? Crescita selvaggia o taglio corto e netto? Lo stile determina l'aspetto generale del giardino.

Il prato è una sorta di contraltare ai rigogliosi e talvolta megalomani giardini rinascimentali europei: i primi giardini paesaggistici furono creati in Inghilterra a partire dal XVII secolo. Parte di questi giardini erano spesso aree più grandi per i giochi con la palla (pleasure ground), che consistevano in prati. A partire dal XVIII secolo, per i prati sono state utilizzate sementi speciali, inizialmente soprattutto loglio inglese, una specie relativamente resistente, e vari tipi di trifoglio.

«Nulla è più piacevole alla vista dell'erba verde e a tosatura corta», pare abbia detto il giurista, filosofo e statista britannico Francis Bacon nel 1625.

La cura corretta per il prato

Non importa se il prato è seminato o posato: appena spunta l’erba, deve essere subito curato. In questo modo si evitano spelature, erbacce e muschio:

  • Due volte all'anno, in primavera e in autunno, il prato ha bisogno di concime – anche se la pubblicità dei robot per tagliare il prato promette che i rimasugli di erba faranno da fertilizzante.
  • È anche importante scarificare il prato in primavera e in autunno.
  • In estate, in particolare con temperature elevate, serve acqua a sufficienza per mantenere il prato bello verde. Vale la regola: è meglio innaffiare molto una volta, che spesso ma con poca acqua. Le radici sono "pigre" – se si annaffia il prato troppo frequentemente, non cresceranno in profondità. Se per qualche giorno manca l’acqua, il prato si secca.

Consiglio: l'acqua dovrebbe penetrare almeno dieci centimetri nel terreno a ogni irrigazione, affinché le radici ne trovino ancora sotto la superficie e quindi siano stimolate a crescere più in profondità, rendendole più resistenti.

La variante piacevole: il prato seminato

Per occuparsi personalmente della semina è importante conoscere il terreno. Si tratta di un terreno piuttosto umido o secco? Argilloso o sabbioso? Il prato è all'ombra o al sole? Queste sono le domande fondamentali che dovreste porvi prima della semina perché determinano il tipo di seme per il prato e quindi la crescita dell'erba.

Inoltre, è importante considerare quanto deve essere resistente il prato – quindi, se volete solo ammirarlo da lontano, un semplice prato domestico sarà sufficiente; viceversa, se i bambini devono poterci giocare a calcio, allora è meglio uno sportivo e resistente.

Ora resta solo da chiarire quanto tempo e quanta cura si vuole investire – quindi un aspetto che fa già la differenza è sapere se si ha intenzione di tagliare il prato con il tosaerba o di acquistare un robot tagliaerba. Il robot, a differenza del tosaerba, lascia delle parti incomplete. Sebbene queste marciscano e fertilizzino il prato, possono anche causare la formazione di muschio.

Consiglio: una volta scelto il prato che si desidera, è meglio lasciare che sia il professionista a svolgere il lavoro, che spargerà la semenza con un apposito rastrello. In questo modo essa rimane al suo posto e garantisce l'uniformità della superficie del prato.

Vantaggio: è possibile regolare la miscela di semina esattamente in base alle proprie esigenze.

Svantaggi: passano alcune settimane tra la semina e il primo verde; poi servono ancora alcune settimane prima di avere davvero un prato davanti alla porta dove poter prendere il sole o far giocare a calcio i bambini.

Un prato piuttosto grande con macchie gialle e marroni. Sullo sfondo si trova una grande casa e si vedono le montagne.

Più grande è la superficie del prato, più attenta dovrebbe essere la cura. Questa superficie sembra arida.

Se avete fretta: la soluzione è il prato posato a zolle

La scelta della varietà giusta è fondamentale anche per il prato a zolle. Da quello resistente a quello semplicemente bello, dal prato per zone all'ombra a quello per il sole cocente: c'è di tutto. Fortunatamente, il professionista vi aiuta a stendere il prato a zolle – e sicuramente sarà in grado di fornirvi consigli su quale prato è adatto al vostro giardino.

Vantaggio: a seconda delle dimensioni, posa in poche ore o giorni.

Svantaggi: più costoso del prato che si semina da sé. E dal momento della posa necessita di cura in egual misura.

Un uomo posa un prato a zolle, dietro di lui si vede terra non piantata.

Con un professionista che si occupa del lavoro, il prato a zolle è pronto in poche ore.

Veloce e comodo: il prato a zolle in leasing

Se il tempo a disposizione è limitato, è possibile prendere un prato in leasing: il giardiniere posa il prato a zolle, lo taglia, lo concima e lo scarifica. Per posarne uno nuovo, devono passare dai quattro agli otto anni. Costi per 200 metri quadrati: circa 2'000.-/all'anno.

Vantaggio: il prato non richiede lavoro.

Svantaggio: un prato in leasing al prezzo di 2'000.- franchi all'anno è decisamente costoso.

Un prato fiorito al posto dell'austero prato corto

Un tripudio di fiori selvatici anziché un austero taglio corto: un prato fiorito al posto di un prato tagliato regala un effetto naturale. Un ulteriore vantaggio: in questo modo si contribuisce anche alla varietà delle specie. La romantica crescita selvaggia crea l'habitat per farfalle, api, bombi e altri insetti.

Per mantenere lo splendore della fioritura basta lasciare l'erba tagliata in primavera – e i fiori si seminano quasi da soli. In autunno, tuttavia, non andrebbe lasciata in giro l'erba tagliata poiché, appena nevica, questa secca creando delle cavità molto ambite dai topi.

Il più bello e vario di tutti i prati, il prato magro, dove in primavera sbocciano i papaveri rossi accanto ai fiordalisi blu brillante, è quello in genere meno adatto per il terreno di un giardino domestico. Il motivo, come suggerisce il nome, è che il prato magro predilige un terreno piuttosto brullo, quindi secco e sabbioso. Se il vostro terreno non è di questo tipo, dovete farvi aiutare da un professionista o almeno posare un drenaggio.

Un prato grasso, invece, ha un contenuto di azoto più elevato ed è quindi adatto anche a terreni più umidi. In questo caso, però, la cura è più complessa, perché il prato deve essere regolarmente concimato. Sul prato grasso crescono ad esempio campanule, margherite o achillee.

Vantaggi: un prato è comodo e di facile cura. A seconda della varietà, non necessita di fertilizzanti né bisogna tagliarlo. È sufficiente falciarlo una o due volte all'anno con una falce o un decespugliatore. In primavera, si può anche aspettare più a lungo, in modo che i semi che cadono alimentino la prossima fioritura.

In primo piano si possono osservare alberi da frutto su un selvaggio prato fiorito, sullo sfondo una casa a graticcio.

Anche i tipi di prati più selvaggi sono belli – ma solo se non vengono calpestati troppo.

Svantaggi: il prato fiorito non ha un'utilità vera e propria ma è più che altro pensato per essere ammirato. Come area giochi per bambini non è idoneo in quanto deve essere calpestato il meno possibile.

Conclusione: tutto dipende dal tempo a vostra disposizione

Se desiderate un bel giardino verde, il vostro tempo personale a disposizione gioca sempre un ruolo importante. Per gli amanti dei prati verdi che non richiedono troppa cura, il giardino in leasing o il prato fiorito rappresentano la scelta giusta. Tuttavia, il giardino in leasing è piuttosto costoso e non si addice a coloro con disponibilità economiche limitate. Se avete un po' più di tempo da dedicare, è più probabile optare per il classico prato verde da curare personalmente – che si tratti di un prato a zolle o seminato, la differenza è solo all'inizio. Con il robot tosaerba, la cura del prato richiede tempi relativamente brevi. Per gli appassionati di giardinaggio che amano trascorrere molto tempo a prendersi cura della loro oasi verde, il classico tosaerba è sufficiente. Tuttavia, anche in questo caso dovrebbe essere utilizzato una o due volte alla settimana.

Vi abbiamo ispirato per abbellire di nuovo il vostro prato? Allora qui troverete ulteriori consigli per la sua cura.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.