Ristrutturare

Dipingere in giardino: i colori freschi sono la soluzione

Thomas Bott

Con il passare del tempo, il vento e gli agenti atmosferici rovinano le superfici del giardino. Mobili, pavimenti e pareti non sono più belli come prima. I raggi UV sbiadiscono i colori del materiale. L’umidità fa marcire il legno e arrugginire il metallo. In questo modo la struttura si danneggia. A ciò si aggiungono le macchie antiestetiche causate dal verderame. Ma con una pulizia delicata e una nuova mano di vernice, tutto brillerà rapidamente di un nuovo splendore. Leggete qui come fare.

Una donna dipinge una vecchia sedia da giardino in legno sulla sua terrazza. Utilizza una vernice bianca. Un tavolino in primo piano è già dipinto.
© Getty Images / Kathrin Ziegler

In questo articolo

Dipingere in giardino: utilizzate i colori giusti

Nel giardino e nei suoi dintorni, sono molte le aree che potrebbero richiedere una nuova mano di vernice. Per esempio, una casetta da giardino in legno, mobili in metallo e recinzioni in calcestruzzo. Naturalmente la scelta del colore dipende sempre dallo sfondo. Per le facciate in calcestruzzo, ad esempio, serve la vernice per facciate, mentre il legno richiede l’uso di velature e smalti, che possono essere impiegati anche per il metallo.

In ogni caso la vernice deve essere adatta per l’uso all’esterno. Nei negozi specializzati troverete i prodotti con la denominazione corrispondente. La differenza rispetto ai colori per uso interno sta nella composizione. Agenti speciali garantiscono che l’umidità si assorba meglio e non danneggi il materiale. I colori esterni offrono altresì una miglior protezione dallo sbiadimento dovuto dal sole.

Dipingere legno, metallo e calcestruzzo: strumenti necessari

Dare una nuova mano di vernice non è molto complicato. Serve però una buona preparazione per garantire che la vernice duri nel tempo e che non compaiano macchie. Fondamentalmente sono necessari solo alcuni strumenti e il materiale. Di seguito è riportato un elenco dell’occorrente per il trattamento di tutte le superfici.

  • Spazzola o spugna: utilizzatele per rimuovere lo sporco grossolano. Verderame, escrementi di uccelli, ragnatele e altro ancora possono causare problemi durante l’ulteriore lavorazione.
  • Pittura di fondo: la pittura di fondo è come uno strato protettivo. Pertanto si applica sotto la vernice colorata. Nel negozio per il fai da te potete scoprire ciò che è adatto a ciascun materiale.
  • Pennello e smalto/vernice trasparente: a seconda della superficie da lavorare, va scelto il pennello adeguato. Si tratta principalmente di una questione di dimensioni. Poi vi servirà lo smalto per verniciare l’esterno nel colore desiderato. In alternativa, per il legno, è possibile utilizzare una vernice trasparente. Ciò permette alla struttura del materiale di essere più lucida.
  • Copertura e nastro adesivo di carta: se si vuole proteggere il pavimento, alcuni componenti o alcune superfici prima di applicare la vernice colorata, è necessario acquistare un telo per coprirle e nastro per mascherature.

Utensili adatti in particolare per il legno:

  • Carta abrasiva e blocchetti di legno per levigare: con questi strumenti si ottiene una superficie del legno livellata. Inoltre, irruvidendoli un po’, il colore avrà una buona tenuta. La carta vetrata non deve essere né troppo grossolana né troppo fine. Chiedete al negozio per il fai da te qual è la ruvidezza ideale per il vostro legno.
  • Consiglio: per i progetti più grandi, come la casetta da giardino, è possibile anche noleggiare attrezzature come una smerigliatrice eccentrica e una smerigliatrice angolare. Ciò rende il processo molto più veloce.

Utensili adatti in particolare per il metallo.

  • Acqua e sapone: dopo una pulizia grossolana con una spugna, andrebbe pulita la superficie ancora una volta più a fondo.
  • Spazzola metallica/utensile rotante: l’equivalente della carta vetrata per il legno. Il metallo ha una struttura molto più dura, per questo motivo le attrezzature utilizzate per livellare e irruvidire la superficie devono essere più robuste.
  • Vernice antiruggine o agente collante: due pitture di fondo che vengono utilizzate per metalli speciali.
  • Mascherina/guanti/occhiali da lavoro: a volte, quando si lavora sul metallo, si possono produrre scintille o trucioli di metallo. Pertanto proteggetevi a dovere!

Utensili adatti in particolare per il calcestruzzo.

  • Trementina / sabbia per gatti: questi due agenti aiutano a rimuovere lo sporco grasso precedente come macchie d’olio.
  • Idropulitrice: poiché le superfici in calcestruzzo del giardino sono in genere piuttosto grandi, ad esempio un muro o un pavimento, è possibile pulirle anche con un apparecchio di dimensioni adeguate.
Un uomo leviga un’asse di legno in giardino con un apposito apparecchio.

La carteggiatura delle superfici da verniciare è importante, perché in questo modo si rimuovono i residui di vernice e si irruvidisce il materiale per la nuova verniciatura.

Nuovo look: istruzioni per la tinteggiatura

Una volta procurati tutti gli strumenti e i materiali necessari, è il momento di dipingere. Si procede seguendo indicazioni semplici. I passaggi sono simili per le diverse superfici.

Pulite le superfici

Le superfici nel giardino possono presentare una grande quantità di sporco, che va rimosso prima di un ulteriore trattamento del materiale: ciò renderà più facile la successiva carteggiatura. Prendete quindi una spazzola o una spugna e rimuovete lo sporco grossolano dalle superfici. Trattate le superfici in metallo e calcestruzzo con acqua e sapone. Per lo sporco più ostinato è possibile utilizzare anche la trementina o la sabbia per gatti. Basta stendere una buona quantità di sabbia sulle macchie, inumidirla e attendere almeno un’ora. In questo modo la sabbia ha il tempo di ammorbidire le macchie e assorbire lo sporco.

Carteggiate le superfici

Ora, prendete la carta vetrata per il legno o la spazzola metallica per il metallo e indossate gli indumenti protettivi. A questo punto potete rimuovere lo strato superiore di vernice. Nel metallo, anche tutti i punti di ruggine devono essere trattati a fondo. Rimuovete i residui della carteggiatura. Per le superfici in calcestruzzo, in questa fase si utilizza l’idropulitrice ad alta pressione.

Applicate le coperture

Prima di iniziare a lavorare con la pittura di fondo e la vernice, dovreste pensare a coprire le aree da proteggere. Più precisamente, il pavimento della terrazza o le porte e le finestre di una casetta da giardino. Stendete tutti i teli necessari e, dove necessario, applicate il nastro per mascherature.

Stendete la pittura di fondo

Per il legno: prendete un pennello e iniziate a stendere la pittura di fondo. Per farlo, immergetelo nella pittura di fondo, pulite il liquido in eccesso e spennellate accuratamente la superficie seguendo la direzione della venatura. Lavorate con la tecnica «bagnato sul bagnato». Ciò significa che si deve pennellare ripetutamente un pezzo dell’area già trattata e solo in seguito si prosegue con quella successiva. In questo modo ci si assicura che la pittura di fondo venga applicata in modo uniforme e su tutta la superficie. Se lo strato appare troppo sottile, applicatene un altro. Inoltre non dimenticate i punti e gli spazi nascosti.

Per il metallo: diversi tipi di metallo richiedono pretrattamenti differenti. Su superfici in lamiera d’acciaio senza rivestimento di zinco, applicate prima una vernice antiruggine. Per la lamiera d’acciaio zincata, è possibile applicare direttamente la pittura di fondo. Su superfici in metallo non magnetico come l’alluminio, ad esempio, deve essere applicato anche un agente collante per migliorare l’adesione della vernice di finitura.

Per il calcestruzzo: prima di stendere la pittura di fondo, effettuate un cosiddetto test delle proprietà assorbenti. A tal fine spruzzate o versate acqua sulla superficie del calcestruzzo e osservate il comportamento di assorbimento del substrato. Più le zone umide si asciugano in modo disomogeneo, più è importante procedere accuratamente nell’applicazione della pittura di fondo. Qui si consiglia di scegliere il rapporto di miscelazione minimo disponibile presso il produttore.

Ora bisogna aspettare

Affinché la pittura di fondo aderisca e sviluppi il suo effetto protettivo, ha bisogno di un determinato tempo per asciugare. A seconda del materiale, questo intervallo può richiedere dalle 12 alle 24 ore. Nei giorni asciutti, ad esempio, si possono lasciare i mobili all’esterno. Nelle giornate umide, tuttavia, è meglio metterli al riparo per il tempo di asciugatura. Se questo non è possibile, ciò non è per forza un problema. Basta cercare di non svolgere il lavoro quando è prevista pioggia.

Dipingete le superfici

Una volta che la pittura di fondo è asciutta, è il momento del passaggio successivo: la pittura vera e propria. Ora vi serve nuovamente il pennello che avete pulito a fondo durante l’attesa. Prima di usare la vernice, dovreste muoverla un po’ nel contenitore. In questo modo i pigmenti si distribuiscono e il colore diviene uniforme. Immergete il pennello nella vernice e fate gocciolare il liquido in eccesso. Ora procedete analogamente a quanto fatto per la pittura di fondo.

Per il legno: stendete lo smalto o la velatura in direzione della venatura del legno, bagnato su bagnato. Fate attenzione a non applicarne uno strato troppo spesso, altrimenti si formeranno gocce che in seguito produrranno dei rilievi esteticamente poco belli. Quando la superficie è completamente dipinta, lasciatela asciugare. A questo punto ripassate il colore sul legno una seconda volta per assicurarvi che la vernice sia davvero uniforme e copra a sufficienza. In alcuni casi può essere necessario anche un terzo passaggio. Ciò vale in particolare per le superfici fortemente esposte al vento e alle intemperie. A questo punto attendete circa 12 ore prima di utilizzare i mobili da giardino dipinti o di toccare le superfici trattate come muri o recinzioni.

Per il metallo: lo strato finale di vernice viene applicato con vernice protettiva metallica, finitura a martello o lacca di resina sintetica. A seconda dell’opacità, anche in questo caso occorrono più mani. Lasciate asciugare completamente la lacca e carteggiate di nuovo la superficie. Con i mobili in metallo filigranato si usa semplicemente un pennello. Per superfici più grandi si consiglia l’utilizzo di uno spruzzatore elettrico, con il quale la vernice può essere applicata in modo ancora più uniforme.

Per il calcestruzzo: vale lo stesso principio del legno e del metallo, ovvero il motto «meno è più». Ciò significa che si dovrebbe applicare uno strato di vernice sottile piuttosto che denso. È meglio raggiungere la copertura desiderata con più passaggi. Se si vuole preservare l’aspetto naturale delle superfici in calcestruzzo, come per il legno si può utilizzare uno smalto per il rivestimento. Le strutture saranno più lucide.

Primo piano di un uomo che dipinge una recinzione di metallo con guanti gialli.

Anche una recinzione metallica da giardino ha bisogno di rifarsi il look di tanto in tanto.

La cura per una maggiore durata del materiale

Per ritardare il più possibile il prossimo passaggio di vernice in giardino, è necessario curare i mobili, i pavimenti e le superfici nella maniera appropriata. Anche questo è un lavoro, ma è meno impegnativo di una nuova mano di vernice.

Per il legno: con un po’ di cura è possibile proteggere i mobili da giardino da una rapida usura del materiale. Ciò è particolarmente importante in inverno. Durante la stagione fredda, è meglio conservare i mobili in un luogo asciutto e al chiuso. La vernice può sfaldarsi rapidamente a causa del gelo. Se i vostri mobili da giardino non sono verniciati, dovreste dipingerli idealmente con un po’ di olio per legno. La frequenza con cui effettuare questo lavoro varia. In generale, se la superficie è ruvida e sembra richiedere cure, vale la pena trattarla con olio. Naturalmente, una casetta da giardino in legno è difficile da smontare e portare in casa. Smalto o velatura sono quindi esposti alle intemperie tutto l’anno. Pertanto, potrebbe essere necessario ridipingere o applicare lo smalto dopo l’inverno. Controllate accuratamente la casetta da giardino per verificare eventuali danni alla vernice e poi decidete se è necessaria una nuova mano.

Per il metallo: in generale, i mobili o le sculture in metallo sono particolarmente resistenti alle intemperie e possono essere lasciati all’esterno senza problemi, anche in condizioni di gelo. In primavera andrebbe controllato lo stato prima dell’inizio della stagione estiva. Gli oggetti in alluminio possono essere lavati con la canna dell’acqua in giardino e puliti con acqua e sapone delicato. L’uso di spugne e detergenti abrasivi deve essere evitato per non danneggiare la superficie. Anche le superfici in acciaio e ferro vanno pulite con un panno umido e poi trattate con un po’ di cera per auto.

Per il calcestruzzo: qualsiasi cosa cada, scorra o goccioli sulla superficie, bisogna rimuovere tutto immediatamente, perché altrimenti alcune sostanze reagiscono con il calcestruzzo. È meglio utilizzare un materiale assorbente: carta da cucina o carta igienica per liquidi, sabbia o sabbia per gatti per sostanze grasse, l’aspirapolvere per masse granulari. In seguito la macchia andrebbe trattata con acqua calda. Le superfici in calcestruzzo possono essere mantenute in buono stato con un detergente per pietre in commercio, assicuratevi però che l’agente non contenga acidi.

Comprare la vernice: i costi di smalto, vernice trasparente e olio

La vernice per i mobili da giardino, la casetta da giardino e altre superfici non è molto costosa. La tabella seguente riporta una panoramica generale dei costi da mettere in preventivo. Vi ricordiamo, però, che si tratta semplicemente di una stima approssimativa dei prezzi. A seconda del colore, della qualità e del produttore, questi possono variare notevolmente. Lo stesso vale per la superficie per litro.

  • Prodotto
  • Costo per litro
  • Superficie per litro
  • Pittura di fondo
  • 20 franchi
  • 5 metri quadrati
  • Vernice trasparente
  • 20 franchi
  • 15 metri quadrati
  • Smalto
  • 25 franchi
  • 12 metri quadrati
  • Olio
  • 30 franchi
  • 22 metri quadrati

Conclusione: cura, smaltatura e verniciatura non sono complesse

Come si può vedere, il nuovo look non richiede un grande sforzo. Gli oggetti e le superfici del giardino necessitano di un trattamento leggermente diverso quando vengono dipinti, a seconda del materiale, ma molti passaggi sono simili tra loro. Inoltre, è opportuno pensare alla giusta cura, affinché i vostri mobili e il vostro pavimento possano durare più a lungo.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.