Una donna appoggiata a un’aiuola rialzata raccoglie ravanelli.
© Getty Images / Hannes Eichinger

Giardino

Dal pianoforte alla vasca da bagno: 10 aiuole rialzate e creative

Sira Huwiler-Flamm

Sono facili da trasportare, attirano l’attenzione nell’orto, proteggono dalle arvicole e offrono condizioni ottimali per la verdura, la frutta e i fiori grazie agli strati ricchi di sostanze nutritive. Vi presentiamo dieci idee stimolanti per aiuole rialzate, da progetti fai da te a progetti high-tech dalle mille risorse.

1. Metallo moderno

Le aiuole rialzate prefabbricate in alluminio o acciaio sono moderne, attirano l’attenzione e resistono alle intemperie per anni. Per proteggere la schiena, solitamente hanno un’altezza compresa tra i 70 e i 120 centimetri. Se volete beneficiare di tutti i vantaggi di un’aiuola rialzata in metallo, ma la lucentezza, la laccatura e l’aspetto metallico non vi convincono, potete anche optare per varianti in acciaio corten o patina.

2. Aiuola rialzata in stile retrò a forma di pianoforte

I tasti sono stonati, neppure uno è accordato, non volete però buttare il vostro vecchio pianoforte? Trasformandolo in un’aiuola rialzata, è possibile dare una nuova vita al vecchio pianoforte. Importante: rivestite accuratamente la cavità da riempire con una pellicola impermeabile per proteggere il gioiello dall’umidità. In alternativa, anche con un vecchio tavolo si può realizzare un’ottima aiuola rialzata in stile retrò.

Raccomandazione della nostra redazione

Per completare l’articolo, i redattori hanno selezionato un contenuto adatto da Pinterest. È possibile visualizzarlo e nasconderlo con un clic.

Sono d’accordo con il caricamento di contenuti esterni. In questo modo, i dati personali possono essere trasmessi a terzi. Non abbiamo alcuna influenza sull’entità del trattamento dei dati da parte di terzi. (Ulteriori informazioni sono disponibili nella dichiarazione sulla riservatezza)

3. Varietà di forme con la pietra naturale

Le pietre naturali possono essere utilizzate per creare aiuole rialzate individuali dalle molteplici forme. Sia in forma di semplice cassa, con gradini oppure – uno stile particolarmente amato – come spirale di erbe aromatiche. Il vantaggio delle pietre naturali consiste nel conservare il calore del giorno per le notti fredde. In questa aiuola possono crescere piante mediterranee come il rosmarino, il timo e la melissa. Per chi apprezza le pietre naturali e le forme chiare, per creare i bordi delle aiuole i gabbioni sono la scelta giusta. Riempiti con pietre naturali, essi sono disponibili in versione rettangolare e a colonna.

In un’aiuola delimitata da gabbioni crescono diverse piante.

Non per forza va sempre utilizzato un tavolone di legno: anche i gabbioni sono ideali per creare un’aiuola rialzata.

4. La soluzione completa

Poiché le piante in un’aiuola rialzata non possono prendere l’acqua dal terreno, esse necessitano di una maggior quantità d’acqua rispetto a un’aiuola aperta. I rivenditori offrono quindi soluzioni complete per aiuole alte, compresi i sistemi di irrigazione. Dai semplici ausili per l’irrigazione che si infilano nel terreno agli ausili high-tech ad energia solare, tutto ciò che fa battere il cuore degli appassionati di giardinaggio.

5. Flessibile con il legno

Le aiuole rialzate in legno hanno un vantaggio decisivo: rispetto alle varianti in pietra o in metallo pesante, quelle in legno si possono spostare nel giardino da una stagione all’altra con maggior flessibilità. Le varianti in legno tenero come il pino e l’abete rosso sono meno durevoli e resistenti agli agenti atmosferici rispetto ai più costosi legni duri come il larice, la quercia, il bambù o l’abete di Douglas. Un altro comune materiale da costruzione fai da te è costituito da palette, che servono come elementi di fissaggio per i bordi. Rivestite con un telone impermeabile o con una pellicola per stagni e riempiti con ghiaia, compost e terra, in poche ore si trasformano in un’aiuola rialzata ricca di sostanze nutritive. Una rete a maglia esagonale nello strato più basso protegge dalle arvicole. Se avete poco spazio sul balcone o sulla terrazza, potete utilizzare vecchie casse di vino o di frutta anziché delle palette – questo conferisce all’aiuola un vero fascino retrò.

In un’aiuola rialzata crescono diverse piante in fiore.

Le aiuole rialzate in legno possono essere spostate più facilmente, se necessario, rispetto a quelle in pietra. I legni duri come il larice, la quercia, il bambù o l’abete di Douglas sono particolarmente resistenti.

6. Piramidi di mattoni e cemento

I mattoni o le pietre di cemento sono più leggeri e meno costosi delle pietre naturali, pur conservando uno stile intramontabile. Che si tratti di aiuole rialzate a forma di piramide o a forma di mandala – pietra per pietra, con questi materiali da costruzione gli appassionati di giardinaggio possono personalizzare la propria aiuola alta. Entrambi i materiali immagazzinano anche calore e umidità e contribuiscono quindi ad un clima equilibrato nell’aiuola rialzata.

7. Forme rotonde con pneumatici

Avete ancora delle vecchie gomme in cantina? Anche con esse è possibile realizzare delle meravigliose aiuole rialzate e fioriere. Rivestite con una vernice protettiva acquistata presso il negozio per il fai da te, brillano in nuovo splendore offrendo alle piante una casa originale. La gomma viene riempita direttamente di terra, la quale immagazzina il calore al suo interno.

In un giardino troviamo gomme per auto trasformate in aiuole rialzate.

Non solo le palette possono essere trasformate in aiuole rialzate, ma anche le gomme si addicono a questo scopo.

8. Plastica leggera e resistente

Le aiuole rialzate in plastica sono disponibili in diverse forme, colori e dimensioni, anche in look di pietra, legno e metallo. Sono senz’altro durevoli, facili da trasportare e spesso più economiche di altre aiuole rialzate. Ma attenzione: molte materie plastiche a basso costo scoloriscono o si deformano se esposte al sole per lungo tempo. All’acquisto, è importante accertarsi che le materie plastiche abbiano stabilizzatori UV.

9. Upcycling del bagno

Che si tratti di una vecchia vasca da bagno, di un piatto doccia o di un lavabo: tutti questi elementi sono ideali per un progetto di upcycling in giardino. Le vasche da bagno sono già dotate di proprietà idrorepellenti e di uno scarico che impedisce il ristagno di acqua. Pertanto bisogna solo riempirle con ghiaia, compost, terra e con le piante desiderate. Particolarmente stravaganti sono le tonalità verde, blu e rosa sgargianti del bagno della nonna degli anni ’70.

Su una terrazza di legno nel giardino si trova un’antica vasca da bagno con margherite

Riciclaggio decorativo: anche una vasca da bagno antica è adatta per un’aiuola rialzata.

10. Serra rialzata

Un rialzo per letti caldi consente di seminare gli ortaggi nell’aiuola rialzata in posizione soleggiata già a partire da febbraio. I rialzi in plexiglas per letti caldi o per le serre sono disponibili presso i rivenditori al dettaglio. Gli esperti del fai-da-te possono anche realizzare autonomamente un letto caldo con aste semicircolari e un telone invernale o una lamina rinforzata. Le insalate invernali e le verdure che non sono sensibili al freddo, crescono così al riparo dal gelo.

Conclusione: l’aiuola rialzata come elemento decorativo

Vi sareste mai immaginati così tante possibilità creative per progettare un’aiuola rialzata? Le nostre preferite in assoluto sono le aiuole rialzate a forma di pianoforte e vasca da bagno. Speriamo vi siate lasciati ispirare dalla nostra scelta e vi auguriamo buon divertimento con il giardinaggio!

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.