Une terrasse en bois devant une maison en bois agrémentée de meubles et de plantes.
© Getty Images

Costruire e acquistare

Costruzione di una terrazza: pianificazione, esecuzione dei lavori e costi

Thomas Bott

Sole, temperature piacevoli, finalmente un po’ di tempo libero: il momento perfetto per fare una grigliata e rilassarsi all’aria fresca e soprattutto sulla propria terrazza. Che siate voi o un professionista a costruirla, i lavori solitamente non richiedono molto tempo e non sono particolarmente costosi. Vale quindi la pena costruire una terrazza. Di seguito potrete conoscere quali sono i requisiti, a cosa prestare attenzione e come deve essere realizzata la costruzione.

Costruire una terrazza: la giusta pianificazione

Controllate le disposizioni di legge

Prima di iniziare a progettare una terrazza, è necessario verificare le disposizioni di legge del proprio Cantone di residenza. In determinate circostanze è richiesta un’autorizzazione edilizia. Questo in particolare se sono necessari cambiamenti del terreno o se si desidera costruire una copertura sulla terrazza. In quali casi è necessario ottenere un’autorizzazione edilizia è regolato dalla rispettiva legge edilizia cantonale. In caso di dubbio, si consiglia di contattare sempre l’Ufficio tecnico comunale o il Comune competente.

Scegliete il materiale giusto

La scelta del materiale è un altro punto importante. Il legno è molto usato ed è una materia prima di facile lavorazione. Le assi del pavimento sono disponibili in molti tipi di legno, venature e forme. Inoltre, il legno conferisce un certo calore senza riscaldare eccessivamente. Tuttavia, la cura del legno è complessa. Se alla terrazza in legno non viene dedicata la giusta cura, invecchia rapidamente o può anche scheggiarsi. Quando la terrazza è bagnata, il materiale tende anche a diventare scivoloso. Questo vale altresì per il legno massiccio.

Una buona alternativa potrebbe essere il legno di plastica (Wood Polymer Composites, abbreviato: WPC). Questo è disponibile sotto forma di assi o piastrelle per terrazza, offrendo ancora più possibilità nella progettazione della terrazza. Anche se il WPC è molto simile al legno naturale, è più resistente. Non richiede una cura dispendiosa, non si scheggia e il rischio di scivolare è minore. Tuttavia, i colori sbiadiscono nel tempo se sono esposti alla luce diretta del sole.

Infine vi è l’opzione della pietra. Potete scegliere tra pietra naturale, calcestruzzo e ceramica. Le pietre naturali sono disponibili sotto forma di lastre e piastrelle, mentre il calcestruzzo è creato su misura o come lastre. La ceramica viene solitamente venduta sotto forma di piastrelle. Tutti e tre i materiali sono molto resistenti, facili da pulire e resistenti alle intemperie. Hanno però tutti lo stesso problema: costruire la terrazza con la pietra è complesso.

Una terrazza coperta con vista sulle montagne.

L’orientamento ideale in cui posizionare la terrazza è determinato principalmente dal percorso del sole. Tuttavia, anche una bella vista può essere un criterio.

Determinate l’orientamento migliore

L’orientamento è fondamentale per la fruibilità della terrazza. Chi ama stare al sole fino a tarda sera progetta la terrazza sul lato sud della casa, poiché qui è garantita la maggiore esposizione solare. A est potete godervi il sole al mattino – l’ideale per iniziare la giornata. A ovest invece, potete rilassarvi alla luce del sole per molte ore anche dopo il lavoro. Sconsigliamo invece di orientare la terrazza verso nord. A meno che non vi piaccia il fresco o abbiate una vista mozzafiato, l’orientamento a nord non ha alcun vantaggio.

Costruzione di una terrazza: base, sottostruttura e terrazza

Per la costruzione della terrazza è importante che vi sia una base piana per la sottostruttura. A tal fine si può utilizzare ghiaia o sabbia. Successivamente, si continua con la sottostruttura. Se state progettando una terrazza in legno o in WPC, come superfici di appoggio possono essere utilizzate lastre di cemento o lastre da pavimentazione. Su queste verranno collocate le travi di supporto, parallele tra loro a distanze uguali. Una prima asse al centro della terrazza, montata ad angolo retto sulle travi portanti, funge da punto di partenza per le altre assi. Una volta che queste sono state posate e avvitate, ai bordi vanno montate ulteriori assi per chiudere i lati.

La progettazione di una terrazza in pietra è invece un po’ più complicata rispetto a quella con WPC e assi di legno. Nella maggior parte dei casi sono necessari lavori di scavo per creare le fondamenta. Mescolare il calcestruzzo, versarlo e posarvi sopra piastrelle o lastre richiede tempo. In questo caso vale sempre la pena commissionare un professionista, perché non solo dispone della competenza richiesta, ma anche dell’attrezzatura giusta.

Una terrazza in pietra di fronte a una casa di legno. Una famiglia seduta a un tavolo con panche di legno.

Un pavimento in pietra è resistente e di alta qualità, ma la posa dovrebbe essere effettuata da professionisti.

Lista di controllo per la pianificazione della costruzione di una terrazza:

  • Cercare informazioni sulle norme edilizie
  • Determinare l’orientamento e la dimensione
  • Controllare la resistenza e la pendenza del terreno
  • Se necessario, presentare una domanda di costruzione
  • Scegliere il materiale di costruzione
  • Definire la posizione futura della terrazza
  • Decidere se commissionare degli artigiani o se optare per il fai da te
  • Eventualmente, confrontare e commissionare gli artigiani.

I prezzi: ecco quanto costa costruire una terrazza

Il costo della costruzione di una terrazza dipende da vari fattori. Uno di questi è la scelta del materiale. A partire da circa 20 franchi al metro quadro è possibile acquistare calcestruzzo oppure legno locale come Douglasia, pino o larice. Se optate per la pietra naturale, legno pregiato (per esempio Garapa o teak) e WPC, dovete calcolare 120 franchi al metro quadro o di più. Inoltre, vanno aggiunti la sottostruttura e gli attrezzi necessari. Se commissionate un professionista per il lavoro, dovrete pagare una tariffa oraria aggiuntiva per i viaggi e i lavori, di circa 80 franchi l’uno.

Prossima lettura

Sul nostro sito web utilizziamo cookie e strumenti di analisi per migliorare costantemente l’utilizzo del sito da parte degli utenti, in modo da potervi offrire il miglior servizio possibile e personalizzare la pubblicità per voi sul nostro sito e con i nostri partner di marketing. Utilizzando il nostro sito web, l’utente acconsente all’uso dei cookie. Norme più dettagliate sono disponibili nella nostra dichiarazione  sulla tutela dei dati personali.